COMFORT FOOD/ CUCINA SANA/ DOLCI

Pannacotta allo yogurt e polline

Buongiorno e buona Vigilia di Natale!

Oggi desidero darvi un dolce che può egregiamente chiudere il nostro pranzo di Natale, velocissimo da fare (richiede solo di essere preparato con un certo anticipo perché si rassodi!) e davvero buonissimo. L’acidità dello yogurt si sposa benissimo col polline.

Il polline è un ingrediente insolito per me. Si tratta di vero e proprio polline di fiori dal gusto dolce e delicato che fa benissimo, ho letto che costituisce la più ricca fonte di vitamine, minerali, enzimi e amminoacidi presenti in natura. È quindi un antiage naturale, migliora la pelle, dà energia, stimola cervello e difese immunitarie.

Resta il fatto che si tratta di un ingrediente insolito, per cui se non avete modo di procurarvelo, potrete preparare questa pannacotta con biscotti sbriciolati e, in abbinamento allo yogurt, sarà sicuramente ottima.

Per quattro cupolette:

  • 250 ml panna liquida per dolci
  • 120 ml di latte
  • 190 g di yogurt al naturale, senza aromi
  • 35 g di gelatina in polvere per dolci, Fabbri (o 9 g di colla di pesce)
  • 50 g di zucchero a velo
  • aroma di vaniglia
  • polline q.b. (o, in alternativa, biscotti tritati)

In un pentolino portate a bollore la panna col latte, togliete dal fuoco e aggiungete lo zucchero mescolando bene fino a completo scioglimento.

Aggiungete la gelatina in polvere (se usate la colla di pesce, abbiate cura di metterla prima a mollo in acqua fredda e strizzarla prima di usarla) e mescolate bene con una frusta, poi aggiungete anche lo yogurt continuando a mescolare.

Versate il composto in stampini di alluminio per pannacotta (o in bicchierini dove non servità sformarla) e riponete in frigorifero per almeno 5 ore (farla il giorno prima è la cosa migliore!).

Al momento di sformare gli stampini, immergeteli in un recipiente con dell’acqua calda, poi rivoltateli su un piatto, questo aiuterà a staccarli con più facilità!

Terminate con una spolverata abbondante di polline.

Se non ci si vedrà più, vi auguro un felice Natale e lo faccio con delle parole che mi piacciono molto e che faccio mie:

A chi ama dormire, ma si sveglia sempre di buon umore,

a chi lavora molto e si diverte di più,

a chi va di fretta in auto ma non suona ai semafori,

a chi arriva in ritardo ma non cerca scuse,

a chi spegne la televisione per fare due chiacchere,

a chi è felice il doppio quando fa a metà,

a chi si alza presto per aiutare un amico,

a chi ha l’entusiasmo di un bambino ma i pensieri di un uomo,

a chi non aspetta le feste per essere più buono

tanti auguri!

1 Comment

  • Reply
    Claudia
    25 dicembre 2017 at 11:51

    Una vera golosità.. magari ad averla sulle nostre tavole!!!!! Baci e buon Natale!! 😀

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    CONSIGLIA Vellutata di porri e patate