COMFORT FOOD/ DAL MONDO/ SECONDI

Zuppa con polpette di pollo

La settimana scorsa è stata una settimana da ricordare. Sia in senso positivo che in senso spiacevole.

In una sola settimana si sono concentrati due importanti eventi food a cui ho preso parte. Il primo è stata una “blending experience” sugli oli, tenuta da Zucchi mercoledì, da Eataly, e di cui parlerò presto, una serata interessante e che mi ha donato spunti, ma soprattutto tante nozioni sugli oli d’oliva. La cosa più bella di queste serate, secondo me, sono gli incontri che si fanno con altre blogger, vicine e lontane. Io sono di indole una persona che ama condividere tutto quello che fa, sono trasparente e racconto con piacere, a volte forse un po’ ingenuamente, ma mi piace lo scambio e chi lo fa come me. Dallo scambio si impara e si insegna 😀

Il secondo evento è stata la serata di cui ho già parlato qui sul blog, quella all’Enoteca Italiana di Bologna, venerdì, sugli abbinamenti tra vini regionali e Formaggi Svizzeri. Un’altra serata riuscita molto bene e della quale vado molto fiera, avendo io contribuito alla sua riuscita 🙂 Ringrazio ancora gli amici che vi hanno preso parte e che mi hanno dimostrato, anche qui, il loro grande affetto.

Venerdì in particolare è stata una giornata molto movimentata. Mentre mi muovevo in macchina per l’Emilia Romagna, facevo mente locale di tutto quello che dovevo fare, tutte cose piacevoli tra cui un saluto a Simona in mattinata, e un miniraduno tra le blogger di iFood, il pomeriggio in piazza Maggiore per una passeggiata e un tè.

La sera poi, ovviamente, c’è stata la degustazione di formaggi e vini, dalla quale sono uscita un po’ brilla ma molto soddisfatta. Tutte queste belle cose sono successe dopo la settimana lavorativa. Sono arrivata al sabato che desideravo solo dormire e ancora dormire 🙂

Mentre tornavo da Bologna però, mentre guidavo verso Ravenna, venerdì sera, è passata per radio la notizia degli attentati di Parigi. Quando ho acceso si parlava di 60 morti che però salivano di continuo.  È stato un momento triste, in cui il cuore si è fermato. Il mio cuore, un pezzetto, è ancora lì, nella città dell’amore, in quei teatri e in quei bistrot.

È un periodo cupo questo, gli attentati sono in diverse parti del mondo e sarebbe altrettanto triste manifestare cordoglio esclusivamente per le vittime di Parigi. Tuttavia io con questa città ho avuto un trascorso, un’esperienza forte e in qualche modo me la sento dentro. Il blog deve il suo nome a lei.

Durante il week end, oltre al riposo, mi è venuta voglia di riprendere in mano il mio libro di cucina parigina. Quindi, anche se può sembrare naif, o banale, questa settimana più che mai, il blog si tinge di… Francia 🙂 con una zuppa che scalda il cuore.

Polpette di pollo in brodo 1

Durante l’università, stavo ancora all’estero, frequentai un corso di scenografia. Era un corso per pochi, una decina di persone.

L’École non stava a Parigi, ma una sera ci andammo a vedere uno spettacolo ambientato nel teatro su cui stavamo lavorando.

La ricordo come una serata magica, in un ambiente magico e “artistico”.

Dopo lo spettacolo il professore ci portò tutti nel suo loft e, in pieno stile Ville Lumière, ci offrì la zuppa del dopo-teatro. La zuppa che vi propongo oggi un po’ somiglia a quella che mangiai quella sera. La ricetta l’ho presa dal libro di cucina di Rachel Khoo che tengo su uno scaffale e che rispolvero quando ho voglia di cucina francese. Ho sostituito la panna col latte, il risultato c’è stato tutto ugualmente e io ve la darò così!

Zuppa con polpette di pollo
 
Per due persone
Author:
Recipe type: Zuppa/secondo
Cuisine: francese
Ingredients
  • 700 ml di brodo di pollo
  • 2 carote medie a pezzi
  • 5 funghi Champignon a fette sottili
  • sale e pepe q.b.
  • ½ mazzetto di prezzemolo tritato
  • 100 g di petto di pollo crudo
  • 60 g di pane bianco senza crosta
  • 1 uovo
  • 50 ml di latte
  • un pizzico di pepe
  • un pizzico di noce moscata
Instructions
  1. Portiamo il brodo a bollore e lo facciamo sobbollire per una decina di minuti con le carote.
  2. Intanto passiamo il petto di pollo, il pane, l'uovo in un mixer, in modo che il composto sia finemente tritato.
  3. Aggiungiamo poi anche il latte, il pepe, la noce moscata e mescoliamo. Il composto sarà molto morbido.
  4. Con due cucchiai formiamo delle quenelles di impasto che tuffiamo nel brodo bollente e facciamo cuocere per 5 minuti circa.
  5. All'ultimo momento aggiungiamo anche i funghi.
  6. Serviamo con una buona spolverata di prezzemolo.

Polpette di pollo in brodo 2

Con un grazie a chi si è fermato a leggermi, vi auguro una buona giornata e a presto 🙂

4 Comments

  • Reply
    SABRINA RABBIA
    17 Novembre 2015 at 14:34

    NON CI SONO PAROLE PER CIO’ CHE SUCCEDE NEL MONDO, PER QUESTE STRAGI DI UMANI, PER TANTA CRUDELTA’, NOI POSSIAMO SOLO NON PERDERE LA SPERANZA CHE PRIMA O POI TORNI LA PACE. QUESTA ZUPPA E’ DAVVERO ELEGANTE, CHISSA’ CHE BONTA’, BRAVA CARA!!!!BACI SABRY

  • Reply
    Claudia
    17 Novembre 2015 at 14:43

    Una calda zuppetta che scalda il cuore.. e ce n’è bisogno davvero.. ti abbraccio…

  • Reply
    speedy70
    18 Novembre 2015 at 20:43

    Deliziosa e raffinata la tua zuppa… complimenti anche per la presentazione!!!!

  • Reply
    Mila
    19 Novembre 2015 at 8:33

    Sì effettivamente avevi avuto una stupenda settimana e gli avvenimenti di Parigi proprio non ci volevano….e come ho già scritto anche nel blog non ci sono parole, perchè col senno del poi si sarebbero vinte tante guerre, quindi preferisco schiudere i miei pensieri nella mia testa….
    ….però non posso non complimentarmi per questa zuppetta davvero invitante

  • Leave a Reply

    Rate this recipe:  

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    CONSIGLIA Cake Pops di Pandoro